Novità del concordato preventivo introdotte dal DL 14 del 12.01.2019

17/04/2019

Novità del concordato preventivo introdotte dal DL 14 del 12.01.2019

Concordato preventivo e sospensione delle azioni esecutive: cosa cambia con il D.Lgs. 14 del 12.01.2019

Il nuovo Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza, contenuto nel D.lgs. n. 14 del 12.01.2019, ha abolito il c.d. “automatic stay”, ossia l’automatica sospensione delle azioni esecutive e cautelari sul patrimonio del debitore che si verifica alla data di pubblicazione nel registro delle imprese della domanda di concordato preventivo, così come previsto dall’art. 168 della Legge Fallimentare. 

La normativa oggi vigente, infatti, prevede che, a fronte della presentazione della domanda c.d. “in bianco” (ossia non ancora comprensiva di un piano di ristrutturazione), il debitore possa automaticamente beneficiare della suddetta misura protettiva consistente nel divieto di iniziare o proseguire nei suoi confronti azioni esecutive e cautelari.

L’art. 54, comma II del nuovo Codice ha riformato detta disciplina prevedendo che, ai fini dell’operatività della predetta misura, il debitore ne debba fare espressa istanza nella domanda di accesso alla procedura di regolazione della crisi o dell’insolvenza di cui all’art. 40.

Inoltre, ai sensi del successivo art. 55, comma III del D. Lgs. 14/2019, tale misura protettiva deve essere confermata con decreto del Tribunale – che, caso per caso, ne stabilisce anche la durata - entro il termine di trenta giorni dall’iscrizione della domanda nel registro delle imprese.

Al riguardo si consideri ulteriormente che la conferma della misura protettiva in commento non è affatto definitiva; la stessa, infatti, può sempre essere revocata o modificata dal Giudice qualora l’attività intrapresa si dimostri inidonea a pervenire alla composizione della crisi ovvero in caso di atti di frode posti in essere dal debitore.

La riforma in commento, la quale entrerà in vigore in data 15 agosto 2020, rientra nel novero delle modifiche alla disciplina del concordato preventivo introdotte dal D. Lgs. n. 14/2019 mediante le quali il legislatore ha inteso realizzare un più equo contemperamento degli interessi dei debitori e dei creditori e contrastare condotte abusive poste in essere dai primi.



Ultimi articoli del blog

La riforma della class action è legge: ecco cosa cambia.

La riforma della class action è legge: ecco cosa cambia.

10/05/2019
Diritto processuale
Gli accordi di ristrutturazione dei debiti e le procedure concorsuali.

Gli accordi di ristrutturazione dei debiti e le procedure concorsuali.

02/05/2019
Diritto fallimentare
Lo stato di sovra-indebitamento: la proposta di concordato minore.

Lo stato di sovra-indebitamento: la proposta di concordato minore.

30/04/2019
Diritto fallimentare

Contattaci